Il venerdì santo, a Miglianico “di una volta” (ma anche oggi)

” Vinève fistiggiàte Pasque pure;
de sere si face’ le vattiture,
le funziune, le prèdeche ‘mburtante,
le sere de la sittimana sànte.

E quande s’attacheve le campane,
le tattavelle si sunev’a mane;
le bardisce, facenne lu remore,
de le jurne decèvene po’ l’ore.

A lu paese, lu vinnardì sante,
la gente risajeve tutte quante:
pe’ la vije passeve Criste morte,
le case ‘llumenate nghe le porte

spalangate; cupert’a li balcune,
le luce de bengale e lampijùne,
le ‘gnille ‘mbandierate,
vrascìre nghe lu ‘ngènze appiciate.”

(da: “Mijàneche de ‘na vote” di Cesidio D’Amato)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *