Sul caso Sallusti: e se fosse capitato ad un freelance o ad un precario?

Senza dubbio il caso del giorno, oltre (per gli addetti ai lavori) alla riunione del Comitato ristretto della Commissione Lavoro sul disegno di legge dell’equo compenso, è quello della condanna in via definitiva del direttore de “Il Giornale”, Alessandro Sallusti per diffamazione nei confronti di un magistrato, o meglio di “omesso controllo” su di un pezzo non firmato apparso sul […]

Continua a leggere

I “sopralluoghi” concordati e i comunicati “rassicuranti”: davvero si crede che ormai si pubblichi tutto?

Che il giornalismo d’inchiesta, specie in provincia, sia ormai una chimera è un dato purtroppo assodato ed è diventata un’abitudine per le amministrazioni pubbliche vedersi pubblicate sui giornali locali ogni tipo di notizie desunte dai comunicati stampa, che spesso inondano anche oltre misura le caselle delle redazioni e dei singoli colleghi, freelance e non.

Continua a leggere

Un anno e mezzo non basta per aggiustare pochi metri di marciapiede: storie di assurda burocrazia

La burocrazia è un continuo paradosso e in Italia la situazione è ancora più ingarbugliata da una sostanziale farraginosità delle norme e delle procedure che inutilmente si provano a snellire: da anni si accumulano storie su storie, relativamente a questo mal vezzo italico, con il risultato di aver reso “normali” questi racconti, che provocano ormai solo un’alzata di spalle e […]

Continua a leggere

Il lavoro umano costa meno di un cartello pubblicitario sulla strada? Ikea, una foto eloquente e tanti dubbi su cui riflettere…

San Giovanni Teatino, via Pietro Nenni (tratto della Statale 5 Tiburtina), in prossimità dello svincolo per il casello autostradale A-14 Pescara Sud-Francavilla, dove ha aperto da mercoledì scorso il nuovo punto vendita Ikea: dalle prime ore del mattino un giovane lavoratore precario, assunto dall’impresa che ha vinto l’appalto per il servizio di pulizia del megastore svedese in Abruzzo, si posiziona […]

Continua a leggere

Una storia di ordinario spreco su cui si può ridere per non piangere: 1800 euro di soldi pubblici per decidere l’ubicazione di due busti

Questa storia merita di essere letta tutta d’un fiato e un sorriso è d’obbligo almeno per non piangere sui piccoli sprechi dell’amministrazione pubblica che, sommati, determinano l’aumento di quel sentimento di antipolitica che è quanto di più deleterio per una democrazia. Eppure, noi giornalisti segnaliamo queste storie non per alimentare la sfiducia nelle istituzioni ma per indurre chi le rappresenta […]

Continua a leggere
1 5 6 7 8 9 12